A settembre in Messia e Rivoluzione, di e con Miriam Camerini

L’amica Miriam Camerini mi ha contattato qualche settimana fa per entrare nell’organico dello spettacolo, ormai rodatissimo, Messia e Rivoluzione, un reading-concerto scritto da lei e dal musicista Angelo Baselli, dedicato alla storia del Bund ebraico e alle sue canzoni. Dunque con la mia chitarra e il mio violino sarò nel complesso di Miriam a settembre, per tre date, insieme ad Angelo al clarinetto e Gianluca Casadei alla fisarmonica.

Le date:

  • Giovedì 5 settembre, Messia e Rivoluzione al Festival Letteratura di Mantova, conservatorio di musica “Campani”
  • Martedì 10 settembre, Messia e Rivoluzione al MEB di Bologna
  • Giovedì 19 settembre, Padova (more coming soon 🙂 )

 

Il popolo ebraico, da due millenni in attesa messianica, desidera da sempre realizzare in Terra le promesse di giustizia e libertà battendo sul tempo il Redentore.

L’utopia, per secoli biblica, di una Terra libera, giusta e affratellata, trova nei grandi rivoluzionari del secolo scorso una nuova spinta, apparentemente contraria, ossia laica, ma a ben guardare uguale: il sogno di un mondo migliore e il lavoro quotidiano per realizzarlo. “Il Messia sei tu, quando ti comporti in maniera tale da permettere la sua venuta “, ha scritto Emmanuel Lévinas, filosofo, francese, ebreo.

Musica e parole si intrecciano, raccontando la nascita del Bund, il suo Giuramento, composto dal drammaturgo ed etnografo Shlomo An’ski, la Marcia dei disoccupati e una canzone che celebra la Rivoluzione d’Ottobre adattando un brano liturgico fino ad allora eseguito solo in sinagoga. Le due grandi rivolte nei ghetti di Vilna e di Varsavia costituiscono un tragico epilogo per la storia del Bund, annientata dalla Shoah, la quale però – come in una antica parabola chassidica – sopravvive fintanto che viene narrata. Ad accompagnare il viaggio musicale, riflessioni dal Talmud, Franz Kafka, Ernst Bloch e Martin Buber e – in un eccezionale dialogo dal vivo – le parole competenti e profonde di Wlodek Goldkorn, che alla storia del Bund ha dedicato studi e ricerche.

Comments

comments

Author: roccorosignoli

Share This Post On