Spagna ’36 al De Martino: un giorno di canti, compagni e amicizia

Come chi segue questo sito sa già, lo scorso anno io, Francesco Pelosi, Davide Giromini, Guido Baldoni e Alessio Lega, con la partecipazione di Salvatore Iaia ed Elena Conto’, abbiamo inciso una suite per il progetto dell’istituto De Martino “Spagna ’36: un sogno che resiste“. Ieri, a un paio di mesi dall’uscita del disco, presso Sesto Fiorentino, sede dell’istituto De Martino, si è svolta una presentazione ufficiale, a cui abbiamo partecipato tutti quanti. Sebbene il nostro lavoro fosse firmato come collettivo a nome “Los solidarios”, ieri ci siamo esibiti in set separati. É stata una bella occasione per poter portare una testimonianza sia del lavoro svolto per la compilation, che del nostro lavoro personale di cantautori.

Io ho cantato La despedida, che nella compilation è accompagnata da un trio d’archi (Salvatore Iaia al cello, Elena Conto’ alla viola, e io al violino), e in più ne ho approfittato per rendere un doveroso omaggio a Hector Oesterheld, lo scrittore argentino autore de “L’Eternatuta”, di cui nel 2017 ricorreva il 40° anniversario della desapariciòn avvenuta sotto il regime di Videla.

image

Ho voluto concludere il mio set cantando Almen nel canto, il brano che ha vinto il premio della critica al Concorso Daffini di quest’anno. La canzone è piaciuta molto al pubblico, anche all’amico Riccardo Venturi, che non l’aveva ancora sentita e me ne ha chiesto immediatamente il testo per poterlo inserire sul sito Canzoni Contro La Guerra. La trovate qui.

image image

Comments

comments